martedì 16 luglio 2013

recensione 1Q84

buonasera ragazze,
voglio terminare questa giornata con una bellissima recensione..
Finalmente sono riuscita a comprarmi un libro di questo scrittore giapponese: Haruki Murakami..
Ne avevo sentito parlare molto bene e così mi sono decisa a leggerne uno..
Questo libro contiene 2 dei 3 volumi totali della storia..
 
trama:
Il romanzo si apre con Aomame che, per recarsi a un appuntamento di lavoro, prende un taxi sulla cui radio viene trasmessa la Sinfonietta di Janáček. Poiché il taxi si trova bloccato in un ingorgo di traffico il conducente invita Aomame ad uscire dal taxi e di scendere per una scala di emergenza per non arrivare tardi all’appuntamento di lavoro. Lei segue il consiglio e giunge presso un hotel dove si spaccia per una dipendente per potere uccidere un facoltoso e importante ospite. L’omicidio viene perpetrato con uno strumento che non lascia traccia, facendo supporre agli investigatori che la morte sia sopraggiunta per cause naturali.
La storia si dipana raccontando le strane esperienze di Aomame, fra le quali alcuni ricordi che non corrispondono con le notizie contenute negli archivi dei quotidiani principali. Una di esse si riferisce al conflitto fra un gruppo di estremisti con la polizia. Dopo aver letto questi articoli, Aomame si convince di vivere in un mondo parallelo, a cui dà il nome di 1Q84, e sospetta di essere entrata in questo mondo dopo aver ascoltato la musica di Janáček.
L’altro personaggio principale del romanzo è Tengo, insegnante di matematica e aspirante scrittore, che viene invitato dall’amico editore Komatsu a riscrivere un testo promettente, ma malamente scritto, che è stato presentato ad un premio letterario. Komatsu intende sottoporre il romanzo ad una prestigiosa agenzia letteraria e promuovere l’autrice come una rivelazione nel campo della letteratura. Tengo ha delle riserve sul riscrivere il testo di un altro autore, ma si lascia convincere dopo aver incontrato l’autrice, Fukaeri, ed averne ottenuto il permesso.
Presto risulta evidente che la ragazza è dislessica, che non ha scritto personalmente il romanzo e che non l’ha inviato al premio letterario. Il disagio di Tengo aumenta quando scopre che devono essere coinvolte altre persone, in particolare il tutore della giovane ragazza, Ebisuno, professore universitario, che Tengo incontra e dal quale viene informato che i genitori di Fukaeri facevano parte della comune di Takashima che avevano fondato. Il padre, Tamotsu Fukada, era amico e collega di Ebisuno. Tamotsu Fukada riteneva che Takashima fosse la realizzazione di un’utopia, mentre Ebisuno descrive la comune come un luogo dove agli aderenti veniva fatto il lavaggio del cervello e lo paragona al mondo raccontato da George Orwell in 1984. Al tempo Fukaeri era una bimba e il aveva un buon ricordo di Takashima.
Nel 1974, Fukada e 30 membri fondarono una nuova comune chiamata Sakigake. I membri più giovani della comune lavorarono duramente con la leadership di Fukada, ma alla fine incomprensioni e disaccordi fecero nascere dalla comune un gruppo radicale che fondò a sua volta una comune chiamata Akebono, che ebbe uno scontro con la polizia presso il Lago Motosu nella prefettura di Yamanashi. Un giorno Fukaeri si presentò alla porta della casa di Ebisuno. Non parlava e non riusciva a spiegare ciò che le era successo. Non fu più possibile, poi, per Ebisuno mettersi in contatto con i genitori della ragazza. Così Ebisuno diventò tutore della ragazza.
Mentre viveva in casa di Ebisuno, Fukaeri compose la storia “La crisalide d’aria” dettandola alla figlia di Ebisuno, Azami. Il racconto narra la storia della vita di una ragazza in una comune, dove incontra un gruppo di piccoli esseri che lei chiama “Little People”. Piano piano a Tengo sembra di capire che gli eventi descritti nel racconto di Fukaeri comincino a materializzarsi. Le vite di Aomame e di Tengo si svolgono in mondi paralleli. Lei chiama il suo, “1Q84”, lui il “Paese dei Gatti”. Ma piano piano cominciano ad avvicinarsi.
Nel frattempo Aomame si riprende dallo shock psicologico dovuto al compito assegnatole di uccidere l’ospite di un hotel. Ciò avviene in relazione al fatto che ha una relazione professionale con una ricca anziana vedova, la quale di tanto in tanto chiede ad Aomame di uccidere uomini che hanno compiuto atti violenti nei confronti di donne. Ciò fa trasparire che le due donne hanno un passato personale che dà origine a queste azioni.
Aomame tende ad avere, di tanto in tanto, comportamenti sessuali promiscui. Dopo un omicidio, si rilassa frequentando bar per single e scegliendo, per avere rapporti sessuali, uomini anziani, calvi con la testa ben formata. Durante una di queste occasioni incontra Ayumi, una poliziotta che a sua volta frequenta questi tipi di locali per allentare lo stress. Le due intrecciano un’amicizia molto intima. Ayumi ricorda ad Aomame un'amica che fu vittima di violenza domestica a causa della quale commise suicidio. Aomame e Ayumi rimasero in amicizia finché un guorno Aomame lesse su un quotidiano che Ayumi era stata trovata strangolata in un hotel.
La signora Shizue Ogata presenta ad Aomame una ragazza di 10 anni di nome Tsubasa. Tsubasa e i suoi genitori erano stati coinvolti nella avventura di Sakigake. La stessa Tsubasa fu violentata dal capo della comune conosciuto come “il Leader”. Mentre Tsubasa dorme nel ricovero per ragazze violentate dove era ospite, dalla sua bocca escono i “Little People” di cui si parla nel racconta “La crisalide d’aria” di Fukaeri. Questi piccoli esseri cominciano a creare una crisalide d’aria, che è una specie di bozzolo costruito con materiale preso dall’aria. Si viene a sapere che la signora ha perso la sua unica figlia a causa di un atto di violenza domestica ed è intenzionata di adottare Tsubasa. Tuttavia quest’ultima scompare misteriosamente e per sempre.
La signora decide di fare un’indagine su Sakigake e scopre che la violenza sessuale è molto diffusa. Oltre a Tsubasa, altre giovani ragazze sono state violentate. Per questo chiede ad Aomame di uccidere il capo della setta, il Leader, presunto autore degli atti di violenza. Aomame incontra il Leader che si rivela una persona di enorme corporatura con problemi muscolari. La informa di essere il padre di Fukaeri, di avere poteri speciali e di essere il solo a Sakigake in grado di udire le voci. Il Leader è consapevole che Aomame è stata inviata per ucciderlo e stringe con lei un patto: se lo ucciderà si farà carico di proteggere tengo da ogni pericolo. Dopo una lunga conversazione con il Leader, Aomame lo uccide, se ne va e si nasconde in un posto appositamente individuato dalla signora e dalla sua guardia del corpo Tamaru. I mondi paralleli di Aomame e Tengo cominciano ad avvicinarsi. Tengo è seguito da un investigatore privato, di nome Ushikawa, assunto dalla comunità di Sakigake. Ushikawa pedina Tengo per ottenere informazioni su “La crisalide d’aria”. In seguito all’assassinio del Leader, a Ushikawa viene anche chiesto di indagare Aomame, a cui era stato chiesto di eseguire un massaggio terapeutico durante il quale era stato ucciso.

Questo è un pò il racconto dei primi due volumi.. L'ho letto nel giro di 3 giorni e la storia scorre molto bene..
è ricco di particolari,ma non sono mai banali e non mi è mai balenata la tentazione di saltare le pagine come spesso mi accade!!!
Inizialmente, non avendo letto la trama, pensavo fosse un racconto reale, invece andando avanti le cose cambiano in quanto scopri che esistono 2 mondi paralleli.. Non è una novità la storia dei mondi paralleli però è particolare, riesce a catturare completamente l'attenzione del lettore..
Sono rimasta veramente soddisfatta dell'acquisto e lo consiglio veramente a chi piace il fantasy..
Infatti, non vedo l'ora di comprare il terzo volume e vedere come va a finire la storia tra questi due ragazzi..
Buona notte e spero che questa recensione vi sia stata utile..

1 commento:

  1. Non ho letto il riassunto perché ho intenzione di leggerlo, mio papà li ha comprati. Murakami mi piace però dipende anche dai libri, non è tutto allo stesso livello.

    RispondiElimina

lasciate un commento e sarò felice di rispondervi.. grazieeeee