domenica 23 agosto 2015

recensione buonanotte amore mio








Ciao a tutti,
eccoci qua con una nuova recensione.. Questa volta il libro in questione è buonanotte amore mio di Daniela Volontè.
L'ho comprato al supermercato al prezzo di 4,9 euro.
Trama:
Valentina Harrison lavora a Milano, in un'agenzia pubblicitaria internazionale.
è intelligente e precisa, ma poco appariscente, per questo passa spesso inosservata. Non ha alcuna passione per i bei vestiti, i tacchi, le borse, lo shopping in generale e, pur amando la città, preferisce vivere in un tranquillo paesino di provincia.
James Spencer, affascinante e snob, vive negli Stati Uniti.
Quando un problema mette in crisi l'agenziae lui viene convocato a Milano per risolverlo, i due, opposti in tutto, si conoscono. Il loro primo incontro si rivela un totale insuccesso: James è un uomo che cura l'aspetto fisico e la sciatteria di Valentina lo innervosisce, in più è burbero e le si rivolge con poco garbo. Lei, invece, è gentile, dolce e attenta ai piccoli ma essenziali gesti.
Eppure, sin da subito cade vittima del suo fascino.
L'obiettivo di James è salvare l'agenzia dai guai in cui versa e, consapevole dell'affidabilità di Valentina, decide di coinvolgerla per raggiungere l'importante meta professionale. Ma questa collaborazione forzata farà assumere al loro rapporto sfumature davvero inaspettate.

Non so voi, ma a me già la trama mi ricorda un libro in particolare, ovvero mister 50 sfumature    ..
è solo una mia impressione o voi già dalla trama ci vedete questo collegamento?!
Ho voluto dargli una possibilità perchè spesso le storie possono sembrare simili tra di loro ma in realtà c'è qualcosa in più che fa la differenza.. Ecco questo non mi sembra proprio il caso!!
è un libro che scorre molto bene, veloce, capace di farvi compagnia anche nelle giornate più grigie però questa somiglianza spudorata con 50 sfumature di grigio non l'ho molto apprezzato.
Lui, che ovviamente è il classico donnaiolo che con un solo sguardo fa cadere tutte le donne ai suoi piedi, arrogante e molto convinto. Lei, che invece è la classica donna che veste male, che potrebbe benissimo andare al programma televisivo "ma come ti vesti?" e, soprattutto, troppo buona.
L'unica differenza è che in questo caso Valentina non si fa trattare come uno zerbino e se deve rispondere a tono lo fa.. Dio grazie!! di solito sembra di avere davanti una donna passiva, che si fa trattare come una pezza da piedi e poi? si innamora dello stronzo.. 
Tutto ci può stare nella vita però, questa fantasia  del super riccone che si innamora di Cenerentola tutte le volte, a me è venuta un pò a noia.
Va bene una volta, va bene due, ma poi basta!! 
Nonostante questo, mi è piaciuto come l'autrice è riuscita a dare una certa profondità ai protagonisti, soprattutto dal punto di vista caratteriale. Mi è piaciuto rispecchiarmi nelle insicurezze di Valentina e farle in un certo senso mie. 
La storia di James e Valentina, a parte i classici stereotipi, ti conquista subito dalle prime pagine e non vedi l'ora di arrivare alla fine per vedere come finirà questa coppia.
Alla fine, mi sono ritrovata a fare il tifo per loro e questo mi ha un pò stupita perchè questi romanzi finiscono quasi tutti nello stesso modo. Invece, questo non ha niente di così scontato e ti tiene con il fiato sospeso fino alla fine.
Insomma, per concludere, il mio voto finale è:

3 su 5 

2 commenti:

  1. Concordo con te, questo tipo di storie alla Cenerentola ha un fascino primordiale, ma ne sono state scritte talmente tante che bisogna essere ottimi autori per non risultare banali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente, la penso proprio così.

      Elimina

lasciate un commento e sarò felice di rispondervi.. grazieeeee