venerdì 1 aprile 2016

recensione: la meccanica del cuore

 Titolo: la meccanica del cuore
autore: Mathias Malzieu
casa editrice: Feltrinelli
Pagine: 160



trama:
Nella notte più fredda del mondo possono verificarsi strani fenomeni. È il 1874 e in una vecchia casa in cima alla collina più alta di Edimburgo il piccolo Jack nasce con il cuore completamente ghiacciato. La bizzarra levatrice Madeleine, dai più considerata una strega, salverà il neonato applicando al suo cuore difettoso un orologio a cucù. La protesi è tanto ingegnosa quanto fragile e i sentimenti estremi potrebbero risultare fatali. L’amore, innanzitutto. Ma non si può vivere al riparo dalle emozioni e, il giorno del decimo compleanno di Jack, la voce ammaliante di una piccola cantante andalusa fa vibrare il suo cuore come non mai. L’impavido eroe, ormai innamorato, è disposto a tutto per lei. Non lo spaventa la fuga né la violenza, nemmeno un viaggio attraverso mezza Europa fino a Granada alla ricerca dell’incantevole creatura, in compagnia dell’estroso illusionista Georges Méliès. E finalmente, due figure delicate, fuori degli schemi, si incontrano di nuovo e si amano. L’amore è dolce scoperta, ma anche tormento e dolore, e Jack lo sperimenterà ben presto. Intriso di atmosfere che ricordano il miglior cinema di Tim Burton, ritmato da avventure di sapore cavalleresco, La meccanica del cuore è al tempo stesso una coinvolgente favola e un romanzo di formazione, in cui l’autore, con scrittura lieve ed evocativa, punteggiata di ironia, traccia un’indimenticabile metafora sul sentimento amoroso, ineluttabile nella sua misteriosa complessità.

considerazioni personali:
ero molto attratta da questo libro poichè avevo letto diverse recensioni con pareri contrastanti.
La storia è molto inquietante, ma non paurosa e io sono un'amante delle storie strane.
Tanto più sono inquietanti, tanto più mi piacciono. Quindi direte voi:"allora ti è piaciuto?"
In verità non mi sono ancora fatta un'opinione precisa al riguardo perchè da una parte mi è piaicuta, mentre dall'altra, mi aspettavo di più.
Come base è veramente buona e per di più tutta la trama la trovo una genialata.. Un ragazzo con un cuore meccanico? non solo.. al posto del cuore gli hanno impiantato un orologio che va caricato  ogni volta con una chiave.. quando si dice "avere la chiave del cuore", proprio nel vero senso della parola.
Jack è un ragazzo dal cuore tenero, un pò impaurito dalla vita e soprattutto molto molto insicuro.
Mi ha fatto una gran tenerezza da subito, ti verrebbe proprio la voglia di entrare nel libro solo per dargli un abbraccio e rassicurarlo.
Quando incontra quella bambina  per lui non esiste altro. Anzi, talmente si è emozionato la prima volta che l'ha vista, che sembra gli prenda un attacco di panico. è talmente nuovo al sentimento dell'amore, che nemmeno lui sa come reagire, in particolare non riesce a controllare quella che è la meccanica del suo cuore.
Non vi fa tenerezza?
In tutta la storia Jack combatte contro queste sue insicurezze, cercando di superarle insieme alla sua dolce metà e quando finalmente riesce a trovare un pò di pace e felicità ecco che qualcosa la sta già minando.
Non vi voglio dire di più, ma io l'ho trovata una storia commovente e piena di emozioni.
Mi si è strutto il cuore dall'inizio alla fine, prima per la sua condizione fisica e poi per tutto quello che le accade dopo.
Come già accennato all'inizio,non sono ancora convinta su alcuni andamenti della storia perchè avrei voluto saperne di più ed è proprio per questo che non do un voto pieno.




1 commento:

lasciate un commento e sarò felice di rispondervi.. grazieeeee