giovedì 26 maggio 2016

recensione: kill the granny







               

Buonsalve,
eccoci qua con questa mini recensione su un fumetto italiano che ho letto più o meno lo scorso mese.
Lo avevo desiderato fin da quando ho letto la trama su una rivista.
Quindi direi di passare subito al sodo.

Titolo: kill the granny 2.0
autori: Francesca Mengozzi e Giovanni Marcora
prezzo di copertina: 9.9euro

Trama:
una nonnetta tranquilla e svampita fa castrare il suo gatto. è così che hanno inizio le comiche disavventure del povero felino che, per riavere i suoi attributi maschili, firma un patto con Satana: in cambio il demoniaco gattino dovrà portargli l'anima della sua padrona.
Così il micio cercherà di uccidere la vecchia nei modi più assurdi. Peccato che crepi sempre lui, mentre le sue proverbiali nove vite si vanno via via consumando...

Opinioni personali:
leggendo la trama, mi aspettavo qualcosa di diverso, o meglio, qualcosina di più.
La storia è molto carina e certi punti sono davvero molto divertenti.
Ho apprezzato molto anche i disegni, semplici ma d'effetto e lo stile è molto gradevole.

KILLYGRANNY     


Avrei preferito che fosse un pochino più dettagliato in alcune scene, mi sarebbe piaciuto vedere qualche disegno in più.
Come fumetto si finisce molto in fretta in quanto non vi sono molti dialoghi, per lo più sono disegni.
Mi piace proprio perchè i disegni parlano al posto delle parole stesse..
L'unica cosa che ho trovato davvero di cattivo gusto sono le bestemmie criptate (si die così vero?).
Per farvi capire vi lascio la foto:

  Le bestemmie purtroppo sono una cosa che non sopporto, nè scritte nè sentite, non perchè sono religiosa, ma perchè le trovo volgari.
Per tutto il resto non ho niente da dire su questo fumetto e anzi, non vedo l'ora di recuperare anche gli altri.
Il mio voto per questo fumetto:


1 commento:

lasciate un commento e sarò felice di rispondervi.. grazieeeee