giovedì 20 ottobre 2016

recensione: la piccola biblioteca con le ali

Risultati immagini per la biblioteca magica con le ali  

Titolo: la piccola biblioteca con le ali
autore: David Whitehouse
Casa editrice: Sperling & Kupfer
Prezzo: 18,90 euro
pagine: 316

Buonasera a tutti e ben ritrovati in questo mio angolo delle letture.
Come già vi avevo accennato, avevo preso in prestito questo libro in biblioteca e l'ho preso così, senza nemmeno sapere di cosa parlava.
Diciamoci la verità, mi sono lasciata incantare dalla copertina ma non sempre è oro quello che luccica.
Quindi, detto questo, cominciamo subito con la trama del libro.

 imageimage
Trama:
Bobby non crede che le cose che succedono nei libri possano capitare anche nella vita. Sarà che i pochi romanzi presenti in casa sua sono stati nascosti dal padre in soffitta; o che è passato un bel po' di tempo da quando sua madre gli raccontava le favole - anche se Bobby ha solo dodici anni. Da quando sua madre è sparita, lui non fa che archiviarne le tracce rimaste. Catalogare e contare, è questo che gli riesce meglio, mentre passa il tempo a nascondersi dai bulli della scuola e dalla specie di famiglia che gli resta: un padre che beve troppo e la sua nuova fidanzata dal look ossigenato. Fino al giorno in cui incontra Rosa - una ragazzina sola, "diversa" e collezionista come lui - e sua madre, Val, che fa le pulizie in una biblioteca ambulante. È grazie a loro che, in un'estate indimenticabile, Bobby scopre la magia dei romanzi: le tante finestre che possono aprirgli sul mondo, le mille avventure che possono fargli vivere. E alla fine dell'estate, quando Bobby si ritrova nei guai col padre e Val rischia di perdere il lavoro, la biblioteca diventa la loro unica salvezza. A bordo di quello scrigno di storie, fuggiranno in cerca di una vita migliore. Uniti come una famiglia vera. Protagonisti di un'avventura che saranno loro a vivere, giorno per giorno, come in un romanzo di cui non potranno conoscere il finale fino all'ultima pagina.
 
 imageimage

Considerazioni personali:
 ho fatto molta fatica a portare a termine il libro e non so perchè.
La trama è carina e  la storia scorre molto bene. Non ci sono pezzi noiosi o pagine troppo descrittive anzi, è tutto abbastanza intuitivo e lineare.
Allora perchè ho impiegato quasi 3 settimane a finirlo?! Ancora adesso me lo chiedo e tutt'ora non so trovare una risposta precisa..
Forse non è scattata quella magia o  quelle emezioni che di solito mi portano a finire un libro in pochi giorni.
Ripeto che la storia è particolare e tratta anche dei temi piuttosto importanti secondo me, però non sono riuscita a immedesidarmi in questa avventura.
Ho adorato il finale e lì un pochino il cuore mi si è strutto (si sono la solita romanticona lo so!!image ).
Ho provato una pena assurda però per Bobby Nusku, per la sua storia e per le sue "esperienze".
Bobby è un bambino che vive in un mondo tutto suo e spesso non sa distinguere la realtà dalla fantasia e prende tutto quello che gli viene detto per vero.
Molto probabilmente è una sorta di autodifesa della sua mente. Dovete sapere che a Bobby è morta la mamma quando era piccolo e nonostante abbia vissuto in prima persona questo drammatico incidente è convinto che lei prima o poi tornerà a casa a prenderlo.
Nel frattempo cataloga tutto, da oggetti come possono essere i capelli della mamma, al numero di passi che ci sono da casa sua a scuola.
Tanto per aggravare di più la situazione è vittima di bullismo da parte dei suoi compagni di scuola e subisce maltrattamenti da parte del padre.
Peggio di così non può andare e quando si tocca il fondo l'unica cosa che si può fare è risalire.
Bobby è riuscito a risalire dal fondo grazie a Val, che  gli ha teso la mano e gli ha dato la possibilità di cambiare la sua vita.
In particolare con Val e sua figlia Rosa il mondo intorno a lui, ma anche quella di loro, comincia ad assumere colore e ritrovano gioia e soprattutto amore.
Per Bobby è quasi come aver ritrovato la famiglia amorevole che tanto desiderava.
I guai però sono sempre dietro l'angolo e per non perdere ciò che finalmente avevano conosciuto i loro cuori decidono di partire per un'avventura con il magico  bibliobus.
 Ecco.. L'idea del bibliobus mi è piaciuta anche se questo particolare non è proprio una novità.
Nel complesso il libro mi è piaciuto e mi sarebbe piaciuto poter leggere un seguito di questa storia.


il  mio voto per questo libro è: image  




1 commento:

lasciate un commento e sarò felice di rispondervi.. grazieeeee