venerdì 30 marzo 2018

recensione fairy oak

 Immagine correlata

Buon venerdì a tutti,
come state? Purtroppo questa settimana ho saltato tutti gli appuntamenti con le rubriche in quanto ho avuto dei problemi con la connessione.
In realtà sarei sempre in tempo per quella di oggi, ma ho deciso comunque di saltarla per poter pubblicare questa recensione.
Ho aspettato di finire di leggere la trilogia per darvi un mio parere personale, anche se già il primo volume mi aveva decisamente conquistata..
Direi di passare alla trama:
Fairy Oak è un villaggio magico e antico, nascosto fra le pieghe di un tempo immortale. A volerlo cercare, bisognerebbe viaggiare fra gli altopiani Scozzesi e le scogliere Normanne, in una valle fiorita della Bretagna, fra i verdi prati irlandesi e le baie dell'oceano.
Il villaggio è abitato da creature magiche ed esseri umani, ma è difficile distinguere gli uni dagli altri. Infatti, fate, maghi, streghe e cittadini comuni abitano quelle case di pietra da tanto di quel tempo che ormai nessuno fa più caso alle reciproche stranezze. E dopo tanto tempo, tutti si somigliano un po'! A parte le fate, che sono molto, molto piccole e luminose...e volano!
I maghi e le streghe della valle le chiamano per badare ai piccoli del villaggio.
Questa storia è raccontata proprio da una di loro: Felì, la fata delle due gemelle Vaniglia e Pervinca. 


Opinione personale:
come già detto, il primo libro mi era piaciuto tantissimo e anche gli altri due non hanno deluso le mie aspettattive.
è un libro per ragazzi però io lo consiglio anche per gli adulti perchè in fondo ci sono molte cose che si possono imparare nonostante l'età.
Il valore dell'amicizia in questi volumi mi è sembrato al centro di ogni cosa e quasi tutta la storia gira intorno a questo. Un punto che molto spesso oggi viene dimenticato e ignorato..
Il libro è intriso comunque di magia e tiene il lettore attaccato alle pagine fino a che non arrivi alla fine. La scrittura è molto semplice e scorre che è una meraviglia e proprio per questo non ti capaciti di essere arrivato alla fine in un batter d'occhio..
Un'altra cosa che ho adorato di questi libri è il fatto di trovare nel mezzo alla storia dei disegni che per altro a parer mio sono stupendi, sia quelli a colori che quelli in bianco e nero..
La storia viene narrata non dalle protagoniste Vaniglia e Pervinca, ma dalla loro fatina sitter Sefeliceleisaràdircelovorrà (detta anche Felì). Una fatina molto dolce e molto legata ad entrambe le gemelle. Il suo attaccamento a questa famiglia e il suo coraggio ci accompagnerà per tutti e tre i libri e non puoi che provare ammirazione e affetto per questa fatina.
La stessa autrice ha inventato per lei un modo tutto suo di parlare, con parole che non fanno altro che renderla ancora più adorabile ( solo per farvi un esempio: "emozioniemozionose").
Non sono riuscita a trovare nemmeno un difetto per questa trilogia o un appunto da fare perchè l'autrice è stata bravissima sotto ogni punto di vista. I personaggi sono descritti molto bene, anche quelli secondari, la storia è ricca di avventure e molto originale, per di più è scritta molto bene. Quindi cosa posso volere di più?
A questo punto non rimane che da leggere gli altri 4 volumi legati a questa trilogia.
A quel che ho capito sono in tutto 4 e se non erro sono questi:
- Capitan Grisam e l'amore
- Gli incantevoli giorni di Shirley
-Flox sorride in autunno
-Addio Fairy Oak

A questo punto però sono davvero molto curiosa di leggere anche altre opere di questa autrice e se avete qualche titolo da consigliarmi dite pure, sono tutta orecchie!!
Il mio voto complessivo per questa trilogia è di 4 cuoricini


P.s.: vi ricordo che sul blog ho fatto un giveaway dove vi regalo la copia cartacea del primo libro di Fairy oak.. S e siete interessati leggete il regolamento qui..
 In bocca al lupo a tutti..


Nessun commento:

Posta un commento

lasciate un commento e sarò felice di rispondervi.. grazieeeee